Buy & Sell Market screen Goodmorning Piazza Affari ETF DRA e-Learning Segnali Futures Didattica Corsi Dati Finanziari Personal Advisor Certificati Azionari d'epoca
Sponsor
Sponsor
Sponsor

Quotazioni
News Finanziarie

 

Riconoscere anche le fasi laterali, Banca Profilo

Uno degli aspetti più difficili da intuire per un attento trader è sicuramente individuare le fasi laterali del mercato. Stiamo seduti ore davanti al monitor con la perenne sensazione che le cose schizzino d’un lampo da una parte o dall’altra. Chi ha un minimo d’esperienza nel nostro campo avrà memoria di giornate pessime con continui stop & reverse nel tentativo di entrare in anticipo su un movimento impulsivo che, a fine giornata, non è mai arrivato. Tutto ciò perché è molto più difficile individuare una fase di congestione piuttosto che un trend.

Il titolo in esame sembrerebbe alle porte di una fase di breve congestiva.

Abbiamo assistito ad un presunto fake breakout dei massimi di periodo. Presunto perché i volumi in discesa non sono stati eccezionali e quindi, con molte probabilità, i grossi pacchetti azionari non sono finiti in lettera per il momento.

Abbiamo inoltre una ormai nota parabola d’accumulo.

La fase pare essere congestiva per via del fatto che i volumi sono in netto calo rispetto ai movimenti precedenti; sono di sicuro sopra la “normalità”, segno che qualcosa di importante si intravede all’orizzonte, ma sembrano sufficienti per determinare una brusca frenata della volatilità nel prossimo futuro. Inoltre la barra contrassegnata dalla freccia verde ha arginato la fase di liquidazione scatenata dal rientro dei prezzi sotto i massimi di periodo.

Il titolo quindi, a mio modo di vedere, si può tradare con operazioni di trading rapido, diciamo all’interno della settimana, individuando supporti e restistenze statiche di breve mediante barre d’inversione e accumuli intraday a livelli “standard” di prezzo.

Quando il prezzo si avvicinerà alla parabola sarà nostra cura assumere posizioni rialziste su un minimo segnale di forza mediante una “barra d’inversione” rialzista. A quel punto dovremmo poter attaccare i massimi di periodo. Valuteremo con estrema attenzione i prezzi se si dovessero approssimare ai massimi, ricordiamoci che il mercato è rialzista e da qualche parte i BIG dovranno pure prendere profitto.

Colgo l’occasione per indicare l’estrema valenza di queste parabole, negl’ultimi 3 giorni ne ho vista una perforata su finmatica... il titolo ha perso immediatamente il 20% finendo al minimo storico. La rottura di una “tazza” d’accumulo, di solito, crea molti danni irreparabili. Quindi gli stop loss, signori e signore, sono vostri amici, non la punizione divina della vostra incapacità, ricordatelo. In quanto gioco, il trading implica anche le perdite, dobbiamo imparare ad accettale prima che il nostro capitale venga dilapidato facendoci alzare dal tavolo da gioco per tutta la vita.

Buona fortuna.

Sergio

Il titolo in data odierna quota come prezzo di riferimento 1,903 euro per azione.