Buy & Sell Market screen Goodmorning Piazza Affari ETF DRA e-Learning Segnali Futures Didattica Corsi Dati Finanziari Personal Advisor Certificati Azionari d'epoca
Sponsor
Sponsor
Sponsor

Quotazioni
News Finanziarie

 

E’ meglio comprare azioni o regalare un anello alla fidanzata?

Mi sento davvero in difficoltà... di tutte le possibili operazioni individuate non ve né una di carattere rialzista. Ho cercato di individuare qualche titolo con qualche possibilità di operazioni al rialzo ma ho fallito. Sono sicuro che cercando meglio potrò individuare qualcosa che sia di indizio per un plunge long.

Ora vorrei soffermarmi su una commodity fondamentale per individuare la bontà di un trend o meno: L’oro.

Vorrei innanzitutto spiegare a i meno esperti che la quotazione dell’oro è fondamentale per tastare il polso dei mercati e dell’economia in generale. Diciamo che in linea di massima se un economia è in salute o è in procinto di ripartire la quotazione dell’oro scenderà perché è un bene rifugio e se l’economia “tira” sarà cura dell’investitore soppesare l’investimento “produttivo” rispetto ad un bene che viene ad essere fondamentale nei momenti bui in cui le cose non vanno proprio a gonfie e vele.

Se manca la divergenza tra la quotazione dell’oro e la quotazione delle azioni significa che uno dei due mercati “bleffa” ed esprime valori non reali.

Nel grafico notiamo come nell’ultimo rally azionario l’oro non sia sceso ma sia salito assieme ai corsi azionari.

Questo significa che in uno dei due mercati qualcuno è influenzato all’acquisto insensato di qualcosa che non dovrebbe avere quel prezzo. Diciamo che una certa mole di capitali sono finiti, in maniera non coerente con la reale situazione economica, nel posto sbagliato per un’induzione puramente emozionale.

Appurata la situazione è nostro dovere cercare di determinare chi ha preso una posizione sbagliata causa emotività.

Una delle poche certezze di cui sono venuto a conoscenza è che il 95% dei piccoli operatori perde con costanza sul mercato che siano trader, speculatori o investitori in fondi comuni. Possiamo affermare da questo che i piccoli sostengono insensatamente uno dei due mercati e che verranno puniti dalla loro incompetenza? Certamente.

Un'altra domanda: guardando il telegiornale, ascoltando la radio, leggendo un giornale vi è mai capitato di decidere di investire in oro? Credo che per almeno il 95% di voi la risposta sia negativa. “Ieri mi sono svegliato e sono andato a comprarmi 1 kg d’oro”. Credo che la stragrande maggioranza della gente non abbia neanche idea di come poter far fruttare il proprio capitale comprando oro e questo perché fino ad ora, nel lungo termine, le azioni sono salite quindi non era necessario.
Ma a quanti di voi è capitato nella propria vita di dire: “ieri mi sono alzato, ho chiamato in banca, e ho comprato Telecom (per esempio) perché in TV dicono che è una società in salute e difatti le azioni salgono”.

Da queste semplici domande possiamo affermare che tra i due mercati chi bleffa è quello azionario che viene sostenuto da small players invogliati all’acquisto mentre chi sa come il gioco si concluderà si prepara in anticipo sugli altri players? La risposta è si.

Perché in TV non parlano quasi mai delle quotazioni dell’oro? Non riesco a spiegarmelo.

L’unico fattore di incertezza a questo punto è il tempo. Fin quando si sosterrà la divergenza? Nessuno lo sa, ma prima o poi una magia farà tornare le cose a loro posto. Queste cose, di solito, non durano per sempre, non sono proprio pure come diamanti.

Sergio